BuzzMyBrand

News


Share


Contest sui social network: cosa puoi fare e cosa dice la legge

Perché puoi usare BuzzMyBrand per lanciare un contest senza autorizzazione preventiva

AdminBuzzAdminBuzz

Come promesso e premesso, oggi parliamo di regole, leggi, adempimenti burocratici per fare un social contest online in Italia.

Nell’ordinamento legislativo italiano c’è una gerarchia di leggi che a volte non sono sufficienti a dare le indicazioni necessarie agli operatori del settore. Esempio: per i concorsi a premio (in cui rientrano i social contest di cui ci occupiamo) la normativa di riferimento in Italia è quella contenuta nel DPR 26/10/2001, n. 430. Essendo tale materia di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico lo stesso interviene, ove necessario, con delle circolari interpretative che chiariscono la disciplina legislativa per le nuove fattispecie che vengono a crearsi sul mercato rispondendo ai quesiti posti dagli operatori del settore.

Ovviamente l’esplosione dei social network ha dato molto da fare al Ministero e richiede che lo stesso si pronunci frequentemente per disciplinare la materia delle operazioni a premio.

Stando a quanto dice DPR 26/10/2001, n. 430 per lanciare un contest in Italia vi è l’obbligo di una preventiva comunicazione del regolamento al Ministero e la prestazione di una cauzione pari al valore dei premi. Una vera iattura per le agenzie di marketing e i social media manager. Tempi lunghi e costi elevati che facevano passare la voglia ai più di procedere con questa soluzione per raggiungere le KPI del settore come social awareness, buzz ed engagement.

E’ dunque con grande giubilo che abbiamo accolto la circolare del 20 Novembre 2014 con cui il MISE è intervenuto sulla materia in esame ed ha chiarito la portata di una sua precedente circolare ed ha, in sostanza, escluso che l’annosa procedura di cui al precedente capoverso fosse necessaria anche per i social contest come quelli lanciati tramite BuzzMyBrand.

Nello specifico il Ministero ha escluso che sia necessaria la preventiva autorizzazione e il deposito della cauzione per quei concorsi a premio basati “sulle capacità e sulle abilità dei partecipanti di produrre opere di carattere […] artistico”. In questo modo vengono finalmente sburocratizzate le iniziative di social marketing che hanno ad oggetto gli user generated content, aprendo in questo modo anche in Italia il mercato a soluzioni innovative come quelle dei social instant contest promosse da BuzzMyBrand.

Finalmente puoi lanciare con BuzzMyBrand una campagna UGC sulle tue pagine social, creare un buzz enormemente significativo su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube, coinvolgere i tuoi follower con contest sui temi del momento.

Commenti 0
Non ci sono ancora commenti.